Carenza di iodio: qual è la situazione in Italia?

Sale-All-iodio-825x400blog

Carenza di iodio: qual è la situazione in Italia?

In Italia la carenza iodica è ancora ampiamente diffusa e pertanto il Ministero della Salute ha promosso la legge n.55 del 21 marzo 2005 “Disposizioni finalizzate alla prevenzione del gozzo endemico e di altre patologie da carenza iodica” al fine di migliorare gli interventi di sanità pubblica in tema di carenza iodica.

Questa legge, al fine di ridurre la frequenza dei disordini da carenza iodica ed i costi socio-sanitari connessi, che oggi sono stimati intorno ai 150 milioni di euro all’anno, promuove il consumo del sale iodato per aumentare la possibilità che l’organismo assuma ogni giorno sufficienti quantità di iodio.

E pertanto definisce la campagna di prevenzione e le modalità di utilizzo e di vendita del sale alimentare arricchito con iodio, destinato al consumo diretto oppure impiegato come ingrediente nella preparazione e nella conservazione dei prodotti alimentari.

Sale di Sicilia contribuisce insieme al CAPE, il Comitato delle Associazioni dei Pazienti Endocrini, alla campagna di informazione per la corretta assunzione di iodio con brevi approfondimenti e altre iniziative che vi racconteremo più avanti.

L’uso quotidiano di Sale di Sicilia Iodato Extra, con i suoi cristalli selezionati puri, rimacinati e iodati, garantisce che qualsiasi regime alimentare sia sufficientemente iodato.

Leggi le risposte alle altre domande frequenti – le FAQ – sullo iodio qui, nella sezione del nostro blog “Chiedi a Sale di Sicilia: FAQ su iodio e iodoprofilassi” .

E se invece hai una domanda specifica sul tema iodio: scrivici sulla pagina Facebook Sale di Sicilia cliccando su #‎ChiediASalediSicilia: saremo felici di risponderti!

19 aprile 2016

Categorie

Cerca

Facebook Like

Twitter

Dove Produciamo